Crea sito
Privacy Policy








Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
L'uomo che ha fermato il deserto con una zappa - Yacouba Savadogo
28-03-2013, 21:50 (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 28-03-2013 22:18 da cichinin.)
Messaggio: #1
L'uomo che ha fermato il deserto con una zappa - Yacouba Savadogo
Ho letto stamattina questa intervista a Yacouba Savadogo, un sessantasettenne che vive a Gourga, un villaggio vicno a Ouahigouya, a circa 40 km dal confine del Burkina Faso con il Mali.

Quest'uomo ha impegnato la sua vita a fare quello che potrebbe sembrare un miracolo: ha creato una foresta dove prima c'era il deserto.

Dopo aver letto questa intervista su Vanity Fair, ho fatto alcune ricerche su internet ed ho scoperto che la sua fama ormai è planetaria, al punto che moltissime persone da tutto il mondo si sono interessate alla sua storia.

Vi riporto l'articolo / intervista di Vanity Fair:

contenuto-alt


HO FERMATO IL DESERTO CON UNA ZAPPA

La sua storia ha ispirato un film. E, anche se lui non lo sa, è uguale a quella di un romanzo. Da 40 anni pianta alberi (oggi ce ne sono più di 10 mila) dove un tempo non c'era nulla. Da tutto il mondo vengono a studiare la sua tecnica, anche se c'è chi preferirebbe veder sorgere villette.

“Non importa quel che pensa la gente, se hai un sogno devi fare di tutto per realizzarlo. E se ti dicono che sei pazzo fai come me: vai dritto per la tua strada. Io ce l'ho fatta, puoi riuscirci anche tu”.
Parla quasi come un guru.
“Sono un contadino”.

I contadini creano foreste nel deserto?
“Ho piantato solo qualche albero”.

Qui ce ne sono migliaia.
“Oltre diecimila. Ci ho messo 38 anni”.

Ma non c'è acqua. Come ha fatto?
“Gliel'ho detto: i sogni si realizzano”.

Yacouba Savadogo, 67 anni, sa appena leggere e scrivere, ma parla con l'aria del saggio. Lavora la terra da quarant'anni, ma le sue mani non hanno calli. La sua storia è incredibilmente simile a quella raccontata nel 1953 da Jean Giono nel libro L'uomo che piantava gli alberi. Il protagonista, Elzéard Bouffier, dedica 40 anni a rinverdire l'arida vallata ai piedi delle Alpi in cui vive. Yacouba lo ha fatto nel suo villaggio, Gourga, nel Nord del Burkina Faso. La storia di Elzéard è inventata, quella di Yacouba vera.

A metà degli anni '70, iniziò a piantare alberi nel deserto del Sahel, e in men che non si dica fece nascere una foresta. Nel 1982 arrivò nel suo villaggio il dottor Chris Reij del Centre for International Cooperation dell'Università di Amsterdam. Il professore, esperto in gestione del suolo e risorse naturali, rimase così colpito che nei mesi successivi fece arrivare esperti da tutto il mondo per studiare la tecnica usata da Yacouba. Lo invitarono a parlarne negli Stati Uniti, in Corea, in Svizzera, anche in Italia. Nel 2010 gli fu dedicato un film, The Man Who Stopped the Desert.

Abbiamo cercato Yacouba per raccontare la sua storia in vista della Giornata mondiale dell'acqua, il 22 marzo. Lo abbiamo visto sfrecciare nel deserto in abiti islamici, antichi, su una fiammante Yamaha. Si è fermato e, seduto sotto un grande albero di Balanites aegyptiaca, ha iniziato a raccontare.

“Sono nato in questo villaggio, Gourga. Questa terra era di mio padre. Quando avevo 7 anni i miei genitori mi mandarono a studiare la legge coranica in Mali. Speravano diventassi un imam, o un professore. Alla scuola coranica ci facevano lavorare nei campi tutto il giorno. Quando tornai a casa, i miei furono felici di rivedermi, un po' meno nello scoprire che del Corano sapevo poco. Aprii un negozietto di chincaglierie nel mercato. Guadagnavo bene, comprai la mia prima moto, ma non ero felice”.

“Un giorno mollai tutto”. "Vado a fare il contadino", dissi ai colleghi. Mi risposero: "Tu sei pazzo". Non era un bel periodo. A metà degli anni '70 tutta l'area del Sahel fu colpita da una grave siccità. Il deserto inghiottì ettari di terre un tempo coltivate. Migliaia di persone morivano di fame, gli altri scappavano. Pensai: se vado via anch'io, non resterà più nulla. Mi tornò in mente una tecnica di coltivazione ancestrale, che avevo appreso in Mali”.

Yacouba riscoprì lo Zar, che consiste nel preparare la terra durante la stagione secca, scavando buche in grado di trattenere l'acqua piovana. Ebbe un'intuizione: allargò le fosse e le ricoprì con un composto di foglie e letame.

“Il letame attira le termiti. Anziché combatterle, le incoraggiai. Pensavo che i loro cunicoli avrebbero trattenuto l'acqua nella stagione delle piogge, e io non avrei avuto bisogno di irrigare. Così fu. Dopo, ho scoperto che le termiti, digerendo il letame, hanno anche rimineralizzato il suolo”.

Yacouba ebbe anche un'altra intuizione. Nella stessa fossa, con i semi di miglio, sorgo e sesamo, mise quelli di alberi.

“Cresce tutto insieme. Il miglio si raccoglie e si mangia, gli alberi diventano alti, e fanno ombra. Le loro foglie servono da concime. Quando ho iniziato, qui c'era solo questa Balanites aegyptiaca, oggi c'è una foresta di 27 ettari”.

Non sono sempre state rose e fiori. “I primi tempi alcuni uomini appiccarono un incendio, cinque ettari andarono in fumo. Pensai che erano invidiosi, mi impegnai ancora di più”.
Mentre il bosco cresceva, Yacouba cominciò a viaggiare per insegnare agli altri quel che aveva scoperto.
“La voce si sparse e vennero uomini dal Mali e da ogni parte del Burkina. In Niger oggi ci sono tanti boschi nati grazie allo Zar. Vorrei aprire una scuola di formazione, ma al momento ho una nuova battaglia da combattere”.

La fama di Yacouba ha attirato l'attenzione non solo degli ambientalisti, ma anche di politici senza scrupoli. “Il Comune mi ha espropriato ettari di foresta, hanno falciato centinaia di alberi per costruire villette. Io cercavo di fermarli: "Se ricominciate a tagliare, il deserto riprenderà possesso di queste terre".
Ma è inutile. Ho ingaggiato una battaglia legale; nel frattempo, dove loro tagliano io ritorno a piantare”.
Il fruscio del vento è interrotto dal canto degli uccelli. Ci sono arnie piene di miele, e caprette.
“Man mano che la foresta cresceva, si è popolata di uccelli e piccoli animaletti. Dove prima era tutto morto, è tornata la vita. Persino l’harmattan, che un tempo soffiava così forte da strappar via le capanne, ora è diventato una brezza, perché gli alberi fanno da schermo”.


Yacouba conosce tutti i suoi alberi, li accarezza, ci parla.
“Questa foresta è la mia vita. Mesi fa è arrivato un uomo. Mi ha portato un albero officinale, l'ultimo rimasto nel Niger. Qui si è moltiplicato, gliel'ho restituito con gli interessi. Ho iniziato ad andare in giro per il Burkina a raccogliere semi delle piante usate per curare ogni malanno. Si è diffusa la voce, me ne sono arrivati da tutta l'Africa. Così salvo le specie e preservo la tradizione. I miei 17 figli e 40 nipoti lottano con me contro i costruttori di villette”.

Ha sentito parlare di Elzéard Bouffier?
“Chi è?”.

L'uomo che piantava gli alberi.
“Anche nei deserti sabbiosi? Perché lì la mia tecnica non funziona”.

È un romanzo. Ma c'è una frase che sembra scritta per lei: «Perché la personalità di un uomo riveli qualità veramente eccezionali, bisogna avere la fortuna di poter osservare la sua azione nel corso di lunghi anni. Se tale azione è priva di ogni egoismo, se l'idea che la dirige è di una generosità senza pari, se con assoluta certezza non ha mai ricercato alcuna ricompensa e per di più ha lasciato sul mondo tracce visibili, ci troviamo allora, senza rischio d'errore, di fronte a una personalità indimenticabile».
“Lo pensa sul serio?”.




La trovo davvero una storia incredibile, che dimostra ancora una volta come la volontà e la dedizione a uno scopo, spesso possano produrre dei risultati fino ad ora inimmaginabili.

Se avete voglia, fate qualche ricerca e scoprirete altri dettagli sorprendenti sulla vita di Yacouba Savadogo.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
20-06-2016, 18:01
Messaggio: #2
RE: L'uomo che ha fermato il deserto con una zappa - Yacouba Savadogo
undefined
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


[-]
Condividi (Mostra Tutti)
Facebook Ok Notizie Tumblr Yahoo! Twitter Google+ Linkedin Blogger MySpace StumbleUpon

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

Contattaci | humus sapiens ita | Torna all'inizio della pagina | Torna al contenuto | Modalità archivio | RSS Syndication