Crea sito
Privacy Policy








Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 1 voti - 5 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
OCSE e Scuole Italiane
19-03-2013, 22:16 (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 19-03-2013 22:16 da cichinin.)
Messaggio: #1
OCSE e Scuole Italiane
Uno studio fatto dall’OCSE (Organizzazione internazionale per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) chiamato “Le aspettative legate ai voti” rivela che gli insegnanti fanno differenze nell’assegnazione dei voti, favorendo le ragazze ed in generale alunni dei ceti medio-alti. Lo studio ha lasciato tutti gli addetti del settore a bocca aperta e dato conferme ad alcune associazioni studentesche che già avevano "denunciato" questi problemi.
Provenendo da un’organizzazione così autorevole è da prendere seriamente in considerazione e merita riflessioni profonde sul livello scolastico Italiano.

L’approfondimento dell’Osce mette quindi in discussione la valutazione degli studenti, punto fondamentale del sistema scolastico Europeo ma anche terreno di scontro tra famiglie, studenti ed istituzioni, ridimensionando l’autorevolezza e la professionalità degli insegnanti.

Queste differenze ci sono un po’ in tutta Europa ma, l’Italia è uno dei paesi in cui c’è più "sperequazione" tra i voti attribuiti dagli insegnanti e le reali conoscenze degli studenti.
Questo comportamento viene definito molto grave e preoccupante, visto che gli studenti spesso basano le loro scelte ed aspettative di vita e lavoro in base ai voti, pertanto questa disformità di giudizio potrebbe penalizzare compromettere il futuro degli studenti stessi.

Il test Pisa "ha dimostrato – continuano nel rapporto – che le istituzioni educative e gli insegnanti ricompensano costantemente caratteristiche degli studenti che non hanno relazione con l’apprendimento".
Sembra inoltre che i professori, oltre a dare voti più alti alle femmine e agli studenti di ceti più alti, diano in generale voti più alti nelle scuole private rispetto a quelle pubbliche.

Ci sono anche i dati a supportare questi studi, infatti gli studenti con genitori con licenza media hanno un tasso di abbandono scolastico del 27,7%, molto più basso per gli studenti con genitori diplomati alla scuola secondaria superiore che è del 7,8%, fino ad arrivare al 2,9% tra i figli di genitori con almeno una laurea.

Un rapporto tra contesto socio-economico di provenienza e successo scolastico è stato stilato anche in Italia qualche giorno fa nella pubblicazione del rapporto BES 2013 che potete trovare qui.

Qui il rapporto dell’OCSE (in inglese)

In pratica nel BelPaese per studiare ed avere buoni voti è preferibile essere donne, di famiglia ricca e magari frequentare una scuola privata…e gli altri ??
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
03-10-2014, 17:27
Messaggio: #2
RE: OCSE e Scuole Italiane
(19-03-2013 22:16)cichinin Ha scritto:  Uno studio fatto dall’OCSE (Organizzazione internazionale per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) chiamato “Le aspettative legate ai voti” rivela che gli insegnanti fanno differenze nell’assegnazione dei voti, favorendo le ragazze ed in generale alunni dei ceti medio-alti.

Vi posso garantire che questo era assolutamente scontato. In Italia purtroppo, con tutta la corruzione e la Mafia che c'è, possono andare avanti solo i figli di persone importanti che guadagnano un sacco di soldi. Ma non solo per questo. C'è il favoritismo per favoir fatti e quindi questi ricambi di favore che sono una cosa SCHIFOSA.

Lo stesso vale anche per le belle donne che vanno all'Università che indossando qualcosa di un pochino più spinto, si prendono alti voti.

Ma questo aspetto non cambierà mai, a mio parere!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


[-]
Condividi (Mostra Tutti)
Facebook Ok Notizie Tumblr Yahoo! Twitter Google+ Linkedin Blogger MySpace StumbleUpon

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

Contattaci | humus sapiens ita | Torna all'inizio della pagina | Torna al contenuto | Modalità archivio | RSS Syndication